Lorem ipsum dolor amet, consectetuer adipiscing elit. Aenean commodo ligula eget dolor massa. Cum sociis natoque penatibus et magnis dis parturient montes, nascetur ridiculus mus.

Baker

Follow Us:

Pasticceria cioccolteria Marigliano

via G. D’ Annunzio n° 23 – 80044 San Gennarello di Ottaviano ( Napoli )

tel. n° ( +39 ) 081 – 52 96 831 – fax n° ( + 39 ) 081 – 19 66 72 81

e-mail : info@pasqualemarigliano.com

sito internet : www.pasqualemarigliano.com

ORARIO DI APERTURA :

dal martedì al venerdì  8:30 – 14:00 – 16:30 – 20.00, il sabato : 8:30 – 14:00 – 16:30 – 20.30,  la domenica 8:30 – 15:00 – chiuso il lunedì.

Ferie : 2° – 3° – 4° settimana di agosto

medaglia-oro-chiara
Pasticcere dell'Anno 2016

Ottaviano … cittadina a ridosso delle pendici del Vesuvio . Fondata dall’ Imperatore romano Ottaviano Augusto, quale residenza estiva . Purtroppo il trascorrere dei secoli e le varie eruzioni del vulcano fanno sparire per sempre queste antiche vestigia ne si sa dove fossero ubicate . Nel ‘400 la città rinasce come centro agricolo, tra le varie produzioni si evidenziano i vigneti da cui si ottiene il famoso D.O.C. ” Lacrima Cristi ” . Il centro storico è posizionato in collina e si estende intorno alla chiesa madre dedicata a S. Michele Arcangelo che è anche il patrono della città .

Appena dodicenne inizia a muovere i primi passi in una pasticceria del suo paese dove subito scopre la sua attitudine . Appena 18enne diventa già un operatore provetto, tanto da essere convocato presso le pasticcerie più note della zona per decorazioni più elaborate . A 20 anni, vuole allargare le sue conoscenze, anche in campo internazionale e espatria a Parigi . Alla corte di Francia, entra in una nuova dimensione, elaborata secondo un modo di lavorare puntiglioso e costruita attorno ad una nuova idea di “ maitre patissier ” . Presso “ Fauchon ” e “ Lenotre ” e “ Pierre Hermé ”, segue stage di perfezionamento sulla lavorazione della viennoiserie, del pastigliaggio e dello zucchero soffiato tirato e colato. Tornato a Napoli, apre il suo primo laboratorio dove comincia a sperimentare la fusione tra innovazione e tradizione partenopea. Gestisce in proprio un Bar – Pasticceria dal 1997 al 1999, per poi aprire nel 2000 l’ omonima pasticceria a San Gennarello di Ottaviano, suo paese Natale, dove si dedicherà esclusivamente al suo nuovo concept declinato dall’ arte dolciaria fino alla cioccolateria .

Tra le numerose specialità legate alla tradizione partenopea si distinguono la Pastiera di grano, il Migliaccio, la Caprese, la Sfogliatella e l’ esclusiva Torta Ottavia . Simboli dell’ amore per i prodotti del territorio e della sua creatività : Il Babà alla Cassata, le Mousses all’ italiana, la Torta Vesuvio, la Ricotta e Noci, la Luna rossa, la Sinfonia d’ estate, gli Struffoli alla crema di limoncello, i Mosaic alla polpa di albicocca del Vesuvio, oltre ad un vasto e curatissimo assortimento di Mignon fresca rivisitata in chiave moderna . Con lo slogan “ L’ Artigianato diventa Cioccolato ” prende vita  una raffinata vetrina di nudi, tra cui le Truffe al rum invecchiato, lo Stresul al sale di Guérande, senza dimenticare il sorprendente “ Vesuvio Buono ”, il cioccolatino con finale scoppiettante. La sua ultima creazione : la Riggiola Napoletana, quando bontà e cultura si incontrano . A Natale e Pasqua, Panettoni, Colombe e uova artistiche . La pasticceria Marigliano sposa anche le nuove tendenze con la realizzazione di torte design per le piccole e i grandi occasioni .

Napoletano, di quelli innamorati della propria terra . Vulcanico e appassionato come non mai . Da quando, piccolissimo, ha scoperto la sua vocazione per la Pasticceria, Pasquale Marigliano non ha più smesso di inseguire il suo sogno . Il 1999, la svolta : diventa a 28 anni membro dell’ Accademia Maestri Pasticceri Italiani . Nello stesso anno, vince la Medaglia d’ Oro al quarto salone culinario di Basilea, Svizzera, con un vasto assortimento di mousses . Nel 2000, con l’ inaugurazione della Patisserie, Pasquale Marigliano si concentra su una nuova filosofia del gusto, con l’ intento di educare la sua clientela ad una pasticceria italiana rivisitata in chiave moderna e di qualità . La sua consacrazione arriva nel 2003, a Rimini, quando ottiene il titolo di Campione Italiano di Pasticceria . Nello stesso anno, le sue creazioni vengono scelte per rappresentare la Campania alla Biennale di Venezia . Successivamente, nel 2006, il “ Gambero Rosso ” lo innalza al terzo posto del podio per il migliore Panettone d’ Italia. Il 2009 lo vede poi, vincitore della manifestazione internazionale “ Cannoli & Friends ”, con il suo Babà alla cassata, chiamato a rappresentare l’ Italia . Fine 2011, nuova svolta: inaugura un nuovo laboratorio a Ottaviano, 1000 mq. dedicati alle sue ricerche . È il 2012 quando il Gambero Rosso gli conferisce due ambiti premi: il Premio per il “ Miglior Packaging ” e il Premio delle “ Tre Torte ” al livello nazionale . La ricerca delle materie prime d’ eccellenza, l’ attenzione ai particolari, la semplicità nelle forme come nei gusti sono le caratteristiche della sua pasticceria gourmet e il segreto del suo percorso . Partecipa a diverse trasmissioni televisive come “ Antichi Sapori ” ( Rai3 ), “ I menu di Benedetta Parodi ” dedicati al panettone ( La7 ) ; vince lo “ Scettro d’ Oro del pasticcere ” a Uno Mattina con le marmellate e biscotti di mele annurche .